post

La primavera in cucina

Riscopriamo i fiori
Anche nei nostri piatti
La primavera in cucina

Un modo al passo con i tempi di portare la primavera in cucina? I fiori.

Non intendiamo un bel vaso di fiori recisi come centrotavola, e nemmeno quadretti di fiori secchi per ravvivare l’arredamento; suggeriamo proprio di provare a inserire i fiori nella nostra alimentazione, soprattutto ora che inizia la stagione del risveglio, piena di verdure fresche e insalatine crude.

In realtà, lungi dall’essere una novità, l’uso dei fiori in cucina fa parte di molte culture tradizionali, come i petali di rosa nel cibo indiano o i fiori di banano in quello thailandese.

E a pensarci bene anche le violette fanno parte della nostra tradizione, zuccherate,  accompagnate ai marron glacees.

Quali sono, dunque, i fiori che possiamo tranquillamente mangiare?

Calendula, lavanda, iris, margherita, malva, rosa, violetta e primula sono solo alcuni e sono fiori che è sempre più facile trovare in commercio già pronti da usare per le proprie ricette.

Per scoprire come usarli appropriatamente esistono in commercio molti libri, così come anche selezioni di sementi e kit per crescerli autonomamente. Questo, oltre al piacere estetico di veder i fiori crescere nelle nostre cucine o sui nostri balconi, è altamente consigliabile in termini di sicurezza: è certo che i fiori dei fioristi vengono trattati chimicamente, quindi non sono adatti - anche se ben lavati - a essere messi nei nostri piatti.

E - sempre in termini di sicurezza - è bene ricordare che la parte edibile dei fiori sono i petali, e solo essi.

La primavera in cucina

Rimane solo  da aggiungerli ai nostri piatti, un modo molto piacevole di aggiungere colore, sapore e una nota di originalità