post

La qualità

Imparare a riconoscere
Un mobile di valore
La qualità Imparare a riconoscere un mobile di valore

In un mondo iperpopolato di proposte di ogni genere, può essere difficile riconoscere tra ciò che è di valore e cosa lo è meno; cosa è vero e ciò che copia gli aspetti ‘esteriori’ delle cose di valore rimanendo, però, intrinsecamente, povero.

Questioni di stile a parte, ci sono alcuni aspetti della realizzazione che distinguono inequivocabilmente i prodotti originali rispetto alle copie; Dettagli, sembrerebbe. Ma nel mondo dell’arredamento sono proprio i dettagli di qualità a fare il prodotto di qualità.

Gli aspetti che vanno valutati con attenzione sono molti.

Concentriamoci sui materiali e cominciamo con la base: il legno. Se è vero che tutto viene verniciato e a un primo sguardo non si coglie la differenza tra una cucina (o un armadio, o una libreria) in legno massello o in truciolato è vero anche che la durata nel tempo sarà nettamente differente, come anche la resistenza all’umidità e la capacità di reggere pesi senza imbarcarsi.

Anche la selezione della minuteria metallica non è un dettaglio che salta all’occhio immediatamente. Andando a guardare bene - però -  riconosceremo senz’altro se sono state utilizzate le viti e le soluzioni più piccole, e il progetto ha fatto in modo di posizionarle dove sono meno visibili, a tutto vantaggio della  pulizia visiva del mobile.

Infine non possiamo dimenticare il secondo materiale per importanza in una cucina: l’acciaio. Sinonimo di resistenza, l’acciaio AISI 304 - meglio noto come inox 18/10 - è fondamentale per le sue caratteristiche di pulizia e igiene, dato che è inattaccabile dagli agenti chimici - quali quelli presenti in alcuni alimenti e in tutti i prodotti di pulizia - ma soprattutto dai batteri.